Montagna

Gran Sasso - Corno Piccolo

Il Gran Sasso ed i Monti della Laga con i colori dell’estate

Gran Sasso - Corno Grande

Gran Sasso – Corno Grande

L’offerta che la montagna abruzzese propone in estate al visitatore è molto diversificata. È vero, infatti, che in inverno al centro dell’interesse sono solo le località dotate di impianti sciistici, per praticare gli sport sulla neve, ma della primavera fino all’autunno i monti d’Abruzzo possono essere vissuti intensamente quasi ovunque. D’estate, finalmente disciolte le nevi la montagna si colora del verde dei suoi boschi e dei suoi pascoli. Il risveglio della natura conferisce all’intera provincia un fascino irresistibile con boschi di faggio e prati verdissimi dal’alta quota, con salti d’acqua e cascate come quelle della Morricana o della Cavata sui monti della Laga, ambedue raggiungibili dal Ceppo nel comune di Rocca Santa Maria, con mille torrenti che scorrono rapidi verso le più dolci colline, con creste impervie come l’imponente “paretone” del Corno Grande. Qualsiasi borgo montano rappresenta il luogo giusto per gustare i piaceri che la natura è in grado di offrire. Il Gran Sasso e i Monti della Laga rappresentano, infatti, una miniera di tesori, tutti da esplorare e scoprire. Tutta l’area montana della provincia teramana è tutelata dal Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga che rappresenta un filo guida nella scoperta di questi

Monti della Laga - Monte Gorzano

Monti della Laga – Monte Gorzano

straordinari ambienti. I loro centri visita, i punti informativi e i musei sono i migliori luoghi dove il turista può trovare assistenza e competenza. Ma al di là delle numerose strutture ufficiali non dimenticate che i vostri migliori amici sono gli abruzzesi: in ogni piccolo borgo troverete persone cordiali ed amichevoli che sapranno aiutarvi con i loro consigli e la loro esperienza per scoprire ed assaporare nel modo migliore la montagna. Una vacanza nelle montagne Teramane è ricca di varietà e opportunità di svago. Si potranno fare splendide passeggiate a cavallo o in mountain bike, escursioni sulle vette del Gran Sasso o tra i boschi della Laga per ammirare magnifici scenari naturali e poter respirare l’aria pura scoprendo ogni volta scorci diversi sotto il cielo azzurrissimo del nostro territorio. La bellezza delle montagne vi permetterà di trascorrere una vacanza indimenticabile!

Da non perdere - L’ippovia del Gran Sasso

I musei del Parco Nazionale

All’interno del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, è possibile trovare una rete di musei e centri visita che offrono la sintesi del patrimonio ambientale e culturale del Parco, attraverso temi ispirati alle più importanti caratteristiche naturali e culturali del suo territorio. Un itinerario che permetterà di conoscere la storia millenaria di questo territorio, custode di un eccezionale patrimonio collettivo che l’Ente Parco valorizza e tutela. I Musei del Parco sono ricchi di immagini fotografiche, reperti, pannelli esplicativi, apparati multimediali, sovente interattivi per effettuare un autentico “viaggio virtuale” e permettere così di capire la realtà dei diversi ecosistemi dell’area protetta e scoprire la straordinaria biodiversità di un territorio che si colloca tra le zone di maggior interesse naturalistico del Mediterraneo. Tutti i Musei hanno anche funzione di Punto di accoglienza informativa per i turisti.

Fonte www.granssolagapark.it
Museo dell’acquaMuseo del LupoMuseo Grotta Sant’AngeloEcomuseo Terre del castellanoMuseo dell’alpinismo
La visita al Centro per le acque di San Pietro di Isola del Gran Sasso è una esperienza diretta e coinvolgente , nello scenario dolomitico del versante nord-est del Parco. Ai giovani e alle scolaresche offre un percorso didattico-esplorativo che, attraverso la rappresentazione degli ambienti naturali ed umani del Parco, invita ad approfondire il valore della risorsa acqua dal punto di vista biologico e geologico, ma anche storico, antropologico e culturale. Le sale sono state allestite con i mezzi più innovativi ed emozionanti della museografia moderna per raccontare il mondo delle acque come parte di un unico pianeta vivente. Diverse sezioni tematiche caratterizzano il percorso museale: le prime esplorazioni della montagna, le forme dell’acqua, l’acqua e la roccia, l’acqua e l’energia, l’acqua e il lavoro dell’uomo, l’acqua nel culto, nella poesia e nel mito. La struttura è dotata di uno speciale percorso di visita per non vedenti per i quali, inoltre, all’esterno del Centro, seguendo le antiche mulattiere che conducono alla faggeta, è stato attrezzato un Sentiero Natura accessibile a tutti , della lunghezza di circa un chilometro che raggiunge la storica sorgente dell’Acquatina.

Centro per le acque del Gran Sasso e della Laga

San Pietro – 64045 Isola del Gran Sasso (TE)

www.gransassolagapark.it

info@gransassolagapark.it

L’uomo e il lupo si fronteggiano da millenni, ma, se nel tempo il lupo è rimasto un abile predatore , il ruolo dell’uomo è cambiato: da cacciatore e raccoglitore è diventano allevatore, ha modellato il paesaggio per le sue esigenze e ha visto nel lupo figure via via differenti, dal magico simbolo di forza e intelligenza al feroce assassino, all’animale nocivo. Oggi l’uomo sente di avere necessariamente un ruolo nuovo, quello di responsabile delle risorse del pianeta e, in particolare, della diversità biologica. Come tale deve guardare anche al lupo con occhi nuovi e attenti. Con questo obiettivo nasce il museo del lupo ad Arsita, uno spazio di informazione e sensibilizzazione rivolto soprattutto alle nuove generazioni. Il museo, che si avvale di pannelli esplicativi e che poggia su un complesso apparato multimediale, fa compiere un’esperienza emozionale particolarmente coinvolgente, favorendo un interscambio comunicativo tra l’uomo e il lupo dagli esiti inaspettati. Il fascino del lupo, presenza furtiva e discreta nei boschi del parco, emerge con tutto il suo carico di suggestioni ancestrali e di mistero. Se il suo ululato è il suono più possente e selvaggio, agghiacciante e affascinante che sia dato in natura, è sulla imitazione del suo verso che il visitatore più coinvolto giocherà la sua piena adesione allo spirito del Museo, per una conoscenza quanto più approfondita e corretta di questo animale.

Via roma – 64031 Arsita (Te)

Tel. 0861.998016

www.gransassolagapark.it

info@gransassolagapark.it

Grotta Sant’Angelo, la cavità naturale più importante della montagna dei Fiori , è nota agli archeologi per gli interessanti reperti risalenti al Neolitico e all’Età del Bronzo. Grazie all’azione concertata dell’Ente Parco, della Soprintendenza Archeologica d’Abruzzo e dell’Università di Pisa, la grotta è oggi una preziosa testimonianza della preistoria italiana. Al suo interno una serie di pannelli illustrativi guidano il visitatore lungo il percorso. La grotta, che si trova a dieci minuti di cammino dal paese di Ripe di Civitella, è oggi dedicata a San Michele Arcangelo. La caverna, lunga 40 metri, larga in media 10 metri e alta fino a 30 metri, è stata scavata, come le numerose altre grotte presenti nella zona, dalle acque di scorrimento sotterraneo. La grotta ha restituito, nei vari strati del pavimento, numerosi reperti che attestano la sua frequentazione, in particolare nella sottostante Grotta Salomone, fin dal Paleolitico superiore. Dallo strato più profondo (più antico) fino a quello più superficiale (più recente), sono stati rinvenuti resti che vanno dalle ceramiche impresse del neolitico antico (4.600 a.C.) ai vasi dell’Età del Bronzo finale (XI sec. a.C.), oltre a ceramiche medievali (XV secolo) riferibili al periodo eremitico e ad un altare con mensa in pietra con incisione sul bordo che riporta la data 1236. Il Museo in grotta è didatticamente collegato con il Centro Visite di Ripe di Civitella a poche centinaia di metri di distanza. Al suo interno è stata realizzata la fedele riproduzione di una capanna preistorica , manufatto destinato a laboratorio per la conoscenza e lo studio della ceramica antica.

64010 Ripe di Civitella del Tronto (TE)

www.gransassolagapark.it

info@gransassolagapark.it

L’ecomuseo di Valle Castellana è una porta aperta sugli ambienti di vita tradizionale e su un patrimonio naturalistico e storico-artistico degni di tutela e valorizzazione, nel versante più a nord del parco, al confine con i Monti Sibillini. Gli operatori del museo sviluppano attività didattiche e di ricerca grazie al coinvolgimento della comunità locale. Nel museo vengono esposti non solo oggetti della cultura materiale, ma anche le testimonianze orali della cultura popolare. Una esposizione tematica è dedicata al Castagno di Nardò, un albero patriarca dalle dimensioni eccezionali e tuttora vivente, nel vicino castagneto: per le genti della Laga, infatti, il castagno rappresenta non solo una fonte di sussistenza, ma anche un tratto di identità culturale. L’allestimento dell’ecomuseo è basato su un percorso formativo che coinvolge un folto numero di giovani e giovanissimi: le Giovani Bussole del parco.

Via Provinciale 64010 Valle Castellana (TE)

Tel. 0861.93130 – 345.4314796

www.comune.vellecastellana.te.it

ecomuseo@comune.vallecastellana.te.it

www.gransassolagapark.it

info@gransassolagapark.it

Il Museo è un’esposizione permanente sull’alpinismo che ha sede a Prati di Tivo, nel Distretto Strada Maestra. È una grande vetrina in cui viene illustrata la storia delle esplorazioni del Gran Sasso d’Italia e dove vengono esaltati i valori della sfida umana nei confronti della natura impervia e spettacolare delle cime più alte degli Appennini. Qui è raccontata l’epopea di un gruppo di appassionati alpinisti di Pietracamela, gli aquilotti del Gran Sasso, che hanno scritto, in oltre 60 anni di attività, pagine memorabili di arrampicate sulle pareti rocciose del massiccio, misurandosi con le difficoltà delle alte quote. Corno Grande, Corno Piccolo e Pizzo di Intermesoli sono la palestra ideale per l’escursionismo, l’alpinismo, lo sci, il trekking e per le tante attività praticabili in montagna. A Prati di Tivo il Parco propone la scoperta del suo cuore più alpino con attività ricreative e sportive, a piedi, a cavallo o in mountain bike, in un ambiente che esprime tutte le forme della biodiversità svelando i segreti di una montagna accessibile a tutti, prima ancora che ai provetti scalatori.

64047 Prati di Tivo – Pietracamela (TE)

Tel. 0861.959619

www.gransassolagapark.it

info@gransassolagapark.it

 

Questo post è disponibile anche in: Inglese, Francese, Tedesco